Visualizza articoli per tag: sardegna

Le piante officinali costituiscono una risorsa naturale utilizzata fin dagli antichi egizi. Da qualche tempo sono oggetto di un rinnovato e crescente interesse sia culturale che economico, dovuto alle loro proprietà, che ne consentono l’impiego in diversi campi, tra cui quello erboristico, farmaceutico, cosmetico, nutraceutico. Questo crescente interesse è determinato soprattutto della attenzione, specialmente nelle aree europee più industrializzate e a più alto reddito, verso consumi e tipologie produttive il più possibile naturali. 

Per questi motivi, l’alta qualità dei prodotti, sta diventando sempre più un fattore discriminante negli acquisti delle materie prime da parte delle industrie utilizzatrici. Risulta così fondamentale la presenza di un ambiente incontaminato, la certificazione dei contenuti chimici e merceologici dei prodotti, la biologicità delle produzioni e così via. Naturalmente la Sardegna, con il suo basso livello di industrializzazione e la sua elevata concentrazione abitativa nei capoluoghi di provincia, dispone di condizioni ambientali e climatiche ideali per lo sviluppo del comparto. Sebbene la nostra isola disponga anche spontaneamente di una straordinaria varietà di specie officinali, non esiste alcuna specifica tradizione produttiva in questo comparto, sia nella coltivazione che nella trasformazione industriale.

La definizione “pianta officinale” deriva da una tradizione culturale e storica del nostro paese e è per la prima volta inserita nel contesto normativo . Secondo la legge n.99 del 6 gennaio 1931, infatti, per piante officinali si intendono le piante medicinali, aromatiche e da profumo . Il termine ”officinale” deriva dal latino officina, ossia il laboratorio dove le piante venivano sottoposte alle varie lavorazioni (essiccazione, triturazione, macerazione, estrazione di essenze, ecc.) in modo da renderle utilizzabili ai diversi scopi. Attualmente il termine piante officinali può assumere differenti accezioni e ciò è ancor più vero se si considera che l’innovazione dei prodotti e dei processi industriali implica una continua evoluzione anche delle trasformazioni alle quali queste piante sono sottoposte. Tale definizione non trova riscontro né nelle statistiche ufficiali né nella terminologia in uso in altri paesi, dove si parla di piante medicinali, aromatiche e da profumo. Le piante officinali, come detto, sono una categoria ampia di specie botaniche, che hanno in comune la proprietà di essere vettori di sostanze dotate di attività specifiche, sensoriali, biologiche e farmacologiche. Non è possibile farle rientrare in categorie nella maniera classica dell’agronomia (erbacee, leguminose, arboree, legnose, orticole.) per via della loro peculiarità, che le rende una classe di piante trasversali dal punto di vista botanico, agronomico ed ecologico.

Si stima ricadano in questa categoria, fra le 20.000 (G. Penso) e le 100.000 (L. Craker) specie botaniche. La pianta officinale come tale è da considerarsi un “prodotto primario”, ossia un prodotto derivante dalla produzione primaria che comprende anche i prodotti della terra. La pianta officinale, pertanto, è una materia prima che, ad eccezione delle piante aromatiche vendute fresche per il consumo, per poter essere utilizzata deve essere adeguatamente trasformata. La pianta officinale deriva, come detto prima, il suo nome dal latino “officina” con cui è messo in luce l’aspetto della trasformazione e della lavorazione. Le piante medicinali possono essere utilizzate in o come alimenti, integratori alimentari, cosmetici, farmaci, mangimi e prodotti veterinari, prodotti per l’industria tintoria e conciaria, agrofarmaci naturali e prodotti per la casa. Una pianta di per sé non rientra, infatti, in uno specifico schema normativo in virtù della sua struttura, della sua composizione o proprietà; può essere usata come ingrediente o componente di un determinato prodotto se l’uso della stessa è compatibile con quella destinazione d’uso e rispecchia le regole applicabili al prodotto finito al quale è destinata.

PIANTA MEDICINALE (DROGA): Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, l’espressione piante medicinali comprende ogni vegetale che contenga, in un organo, o in più organi, delle sostanze che possono essere utilizzate a fini terapeutici o che sono i precursori di emisintesi chemio-farmaceutiche . In senso più specifico e secondo la Farmacopea Ufficiale Italiana e Farmacopea Europea, con questa espressione si fa generalmente riferimento a piante intere, frammentate o tagliate, parti di piante, alghe, funghi, licheni in uno stato non trattato, generalmente in forma essiccata, ma talvolta fresche. Sono anche considerate droghe vegetali alcuni essudati che non sono stati sottoposti ad uno specifico trattamento. Sono definite con precisione dal nome scientifico botanico secondo il sistema binomiale (genere, specie, varietà e autore).

PIANTA AROMATICA E DA PROFUMO: con questi termini si identificano le piante ricche in oli essenziali, contenenti sostanze aromatiche gradevoli al gusto, o altre sostanze odorifere o molecole con attività sensoriale, che possono essere utilizzate per la preparazione di aromi e di profumi.

La coltivazione delle piante officinali non si presta ad una descrizione agronomica univoca, con i criteri dell’economia classica (erbacee da pieno campo, legnose, frutticole, ecc.). Ha tuttavia molte similitudini con la coltivazione delle orticole in pieno campo, quindi un sistema di cultura abbastanza intensivo, che prevede impianto, cure colturali frequenti e uno o più raccolti durante il ciclo di sviluppo della coltura durante la stagione produttiva. Più raramente la coltivazione delle piante officinali è simile al ciclo colturale tipico di cereali o i foraggi, in cui semina e raccolto sono le uniche pratiche salienti. Infine, ci sono specie legnose, arbustive, arboree o altre perenni che sono coltivate in sistemi non intensivi e che sono difficili da inquadrare nella sistematica agronomica tradizionale (ad es. ginkgo, biancospino, rosmarino, genziana, salvia, elicriso, mirto). Scarseggiano, per la gran parte delle specie, le nozioni tecniche e agronomiche su tutte le fasi del processo di coltivazione ed in particolare la qualità varietale, il materiale di propagazione, nutrizione, difesa, raccolta e post-raccolta.

Per una gamma limitata di specie, fra cui menta piperita, passiflora, assenzio gentile, tarassaco, echinacea, melissa, origano, salvia e camomilla, esiste una consolidata prassi agronomica, che ne consente la produzione in un contesto avanzato e competitivo. Da alcuni tecnici la coltivazione di piante officinali è assimilata ad un “ibrido” fra la coltura ortiva da pieno campo, per l’intensità della coltivazione, e la vite, per la necessità di una tecnologia di post-raccolta indispensabile, sia per la stabilizzazione del prodotto primario, sia per la successiva valorizzazione nel mercato. Prodotto da raccolta “da campo” le piante sono raccolte in campo verdi, in fioritura, o alla maturazione delle parti, e comunque, salvo alcuni e rari casi, si tratta di prodotto che contiene percentuali variabili di acqua di vegetazione e per cui non conservabile e non trasportabile, se non su breve raggio. La raccolta può avvenire a mano o meccanicamente a seconda del tipo di coltura e delle caratteristiche dell’azienda. Una volta raccolto, il materiale tal quale ha una vita breve, da poche ore a massimo mezza giornata, e necessita di immediata lavorazione o stabilizzazione. La raccolta è fatta con falciatrici, falcia raccoglitrici, mietilegatrici e simili. La macchina più efficiente e idonea, specie per estensioni almeno superiori a 5 ettari, è la raccoglitrice per spinaci. Più raramente sono state sviluppate macchine ad hoc, come la macchina da camomilla (esiste un prototipo italiano ed il resto sono di fabbricazione estera) o per la lavanda (di fabbricazione francese o bulgara).

La peculiarità della flora officinale sarda, che si trova allo stato spontaneo nel territorio isolano, con oltre 220 delle oltre 320 specie endemiche della nostra isola, e la loro specificità delle possibili applicazioni di tali piante per la nutrizione, la cura e ed il benessere dell’uomo e dell’animale, fanno parte della storia e della tradizione millenaria dell’isola; sono oggi avvalorate da numerosi dati scientifici elaborati dai ricercatori di Università ed Istituzioni scientifiche. I principi attivi derivati da piante officinali possono essere applicati in numerosi settori produttivi: dall’alimentare al cosmetico, dal fitoterapico allo zootecnico ed al liquoristico. Tali principi attivi, potrebbero essere maggiormente utilizzati ed offrire interessanti prospettive economiche ed occupazionali per la filiera agricola e produttiva sarda. In questo senso è importante sottolineare la straordinaria biodiversità della flora sarda spontanea, e la volontà di trasformare questa risorsa in opportunità di reddito, individuando progetti specifici a sostegno del comparto che, con il contributo della comunità scientifica e del settore industriale, possano condurre ad uno sviluppo stabile, assicurando la necessaria soddisfazione economica ai produttori agricoli.

A cura di Riccardo Laconi (Biologo)

Pubblicato in Cronaca

Il consiglio regionale ha respinto la mozione di sfiducia presentata dalle opposizioni contro il presidente Christian Solinas dopo l'esplosione del caso dell'apertura estiva delle discoteche in Sardegna. Il documento, alla fine di un lungo dibattito, è stato respinto con 34 voti contrari, 19 favorevoli e 1 astenuto. Di seguito il verbale della seduta. 

La seduta del Consiglio regionale si è aperta sotto la presidenza del presidente Michele Pais, che ha comunicato che la consigliera Sara Canu ha aderito al Gruppo consigliare dei Riformatori sardi. In apertura dei lavori il presidente è intervenuto, prima di aprire la discussione sul punto all’ordine del giorno, la Mozione n. 361 (Ciusa e più) di sfiducia al Presidente della Regione. “Unitamente alla Conferenza dei capigruppo ho ritenuto di portare immediatamente questa discussione in aula, sottraendola così alla strumentalizzazione e alla spettacolarizzazione televisiva a cui abbiamo assistito in questi in questi giorni – ha affermato Pais - e questo per evitare che venissero minate, ulteriormente, la credibilità delle istituzioni e dell’immagine della Sardegna e dei sardi. Mi sia consentito – ha continuato il presidente - di esprimere tutta la mia amarezza per quanto abbiamo assistito: perché non è tollerabile e non è accettabile che qualcuno possa affermare, riferendosi alla Sardegna, alle Istituzioni sarde e all'Assemblea legislativa della Sardegna che l'umanità viene distrutta dal politico incosciente senza principi e dallo scienziato senza umanità. Questo non è consentito a nessuno. Un fatto che deve creare indignazione assoluta fuori da quest’aula, ma soprattutto in quest’aula”. Il presidente ha poi aggiunto: “Queste frasi sono sterili, inutili e, soprattutto, offensive nei confronti di una Sardegna che è stata dipinta come terra degli untori mentre invece è stata contagiata. Dico questo perché devo difendere l'autonomia del Consiglio regionale della Sardegna e le prerogative di tutti i consiglieri di maggioranza e di opposizione che esprimono il loro voto in maniera libera. Il Consiglio regionale ascolta tutti, ma non subisce alcuna pressione. Questo è un fatto che noi dobbiamo ripeterci perché lo dobbiamo alla integrità e all’onorabilità delle Istituzioni nei confronti dei sardi che rappresentiamo”, ha concluso.

Il presidente ha poi dato la parola al primo firmatario della Mozione. Michele Ciusa (M5S) ha sottolineato che sono giorni di grande sofferenza per la Sardegna in cui i contagi Covid nell’ultimo mese hanno superato i 10.000. Per Ciusa anche questa estate, quando i contagi erano molto più bassi, la comunità scientifica è sempre stata chiara nel dire che l'esperienza dolorosa dei mesi di marzo e aprile non sarebbe stata l'unica di quest'anno e che era necessario prepararsi al meglio per la stagione autunnale-invernale. “Cosa che peraltro voi non avete fatto e questo è sotto gli occhi di tutti: avete sottovalutato la seconda ondata in maniera clamorosa, gli ospedali della Sardegna sono in ginocchio, le file delle ambulanza fuori dai pronto soccorso della Sardegna sono il simbolo della totale mancanza organizzativa”. E ha aggiunto: “Questa è la reale situazione ma per voi va sempre tutto bene, anzi per voi bisogna evitare gli allarmismi”. E ha continuato: “Avete scelto di modificare la governance della sanità, invece di organizzare le strutture sanitarie per la seconda ondata. Avete pensato alle poltrone della sanità invece di tutelare i sardi dal Covid”, ricordando che “stiamo vivendo uno dei periodi più duri dalla fine della Seconda guerra mondiale”. Ciusa ha poi spiegato che, da parte del presidente sono venuti meno il senso di responsabilità, la trasparenza e la fiducia.  E ha chiesto al presidente Solinas se le decisioni prese, seppur nelle sue facoltà, siano state assunte con senso di responsabilità, ricordando “che la scienza è e deve essere il nostro migliore alleato e non si può assolutamente non considerarla, magari solo per favorire interessi vicino al proprio elettorato”. Ciusa ha posto poi una serie di domande: l'11 agosto c’era l’urgenza di riaprire le discoteche? C'era da soddisfare qualche interesse personale a discapito della salute dei sardi? Il Comitato tecnico scientifico ha detto sì o no alla riapertura delle discoteche? “Lei deve rispondere a queste domande”, ha continuato Ciusa, “perché su questa vicenda lei non ha praticamente fornito nessun elemento, ed è ancora più grave: sembra che lei voglia nascondere qualcosa”, ricordando che le dimissioni della maggior parte dei componenti il Comitato tecnico scientifico è un segnale inequivocabile.

Ciusa ha evidenziato che è difficile credere al fatto che il presidente Solinas non abbia letto il parere del Cts del 6 agosto, visto che ne era a conoscenza l’assessore regionale della Sanità.  “Se lei ha assunto in prima persona la decisione della riapertura discoteca mi domando su quali basi ha compiuto questa scelta personale, visto che in quei giorni in Sardegna, a Carloforte, era scoppiato un cluster proprio a causa di una serata in discoteca, con 21 contagiati e 100 persone in isolamento”. Ciusa ha poi concluso chiedendo “Come si possa avere fiducia in chi prende decisioni, dicendo che si sarebbe confrontato con il comitato tecnico scientifico e non l'ha fatto, in chi ha preferito quest'estate pensare alle poltrone della governance sanitaria anziché predisporre una strategia mirata di contrasto alla seconda ondata, in chi, probabilmente, ha voluto anteporre gli interessi privati a quelli della comunità sarda. Presidente non siamo solo noi che chiediamo le dimissioni ma glielo chiedono i sardi”.

E quindi intervento il presidente della Commissione Salute, Domenico Gallus (Udc  Cambiamo), che ha sottolineato l’infondatezza delle tesi sostenute dalla mozione, affermando che bisogna contestualizzare le decisioni e non decontestualizzarle come “gli estensori della mozione surrettiziamente vorrebbero”. Gallus ha spiegato che l’ordinanza fu adottata in giorni in cui si pensava che ormai il virus fosse in qualche modo attenuato, per lo meno nella sua fase più acuta di carica virale contagiosa. “Tutta la letteratura scientifica e la narrazione del momento concordavano  sul fatto che un’eventuale ripresa del contagio fosse da mettere in conto, ma non preoccupante come quella appena passata, in quanto ritenuta più che altro fisiologica. In quei giorni si incoraggiava una graduale ripresa delle attività  socioeconomiche e di ripresa della vita normale. “Nessuno sino ad oggi aveva messo in dubbio la correttezza delle ordinanze di riapertura delle discoteche”, ha detto, “la questione è tornata di attualità non già per un revisionismo tipico di esponenti del centrosinistra sulla loro posizione favorevole, espressa nell’ordine del giorno del 11 agosto, ma per il servizio di Report andato in onda su Rai 3. Un servizio non ispirato certo all'informazione corretta, indipendente, pluralista e imparziale, che ha reso un pessimo servizio alla Sardegna e ai sardi”.  Gallus ha ricordato che quando è stata emanata l’ordinanza l’ RT della Sardegna era tra i più bassi d’Italia e che l’ordinanza di riapertura conteneva l’obbligo per i gestori delle discoteche di osservare  tutte le disposizioni ministeriali circa la prevenzione del contagio del coronavirus. “Il Parlamento sardo si è espresso all'unanimità dando mandato al presidente la Giunta regionale di predisporre un'ordinanza che consentisse l'apertura delle discoteche in Sardegna nel periodo di maggior presenza dei turisti, anche per poter esercitare un puntuale monitoraggio sui frequentatori delle notti estive, piuttosto che saperli esposti ad assembramenti fuori controllo in luoghi privati, piazze e spiagge”. C’è da parte della minoranza, ha sottolineato Gallus, il  vano tentativo di colpevolizzare il presidente Solinas. Gallus ha ricordato che i contagi in discoteca, rispetto all’insieme dei dati dei contagi di tutta la regione, hanno costituito una percentuale ridottissima rispetto al numero dei positivi nei mesi estivi tra giugno e agosto. Il presidente della Commissione ha anche ricordato la richiesta del presidente Solinas di tutelare l’Isola dall'ingresso dei possibili soggetti positivi al virus attraverso lo strumento del cosiddetto “passaporto sanitario”, contrastato da ambienti sanitari, dal Governo e da esponenti del centrosinistra nazionale. Nessuna pressione è stata esercitata sul Consiglio regionale e sul presidente regionale, ha proseguito. “Colpisce tuttavia in tutta questa vicenda surreale che non si sia levata da parte dei presentatori della mozione una sola voce se non di sdegno almeno di presa di distanze dal fatto che nel servizio di Report la Sardegna e i sardi sono passati come un popolo di untori”, ha affermato Gallus, aggiungendo che le stesse attenzioni non sono state riservate ad altre regioni, che hanno aperto le discoteche questa estate. Per Gallus il servizio andato in onda su Rai 3 ha creato un gravissimo contraccolpo di carattere economico per l'intera Sardegna, colpendo il settore turistico e ha offeso l'intero popolo sardo. Gallus ha proposto di valutare la possibilità di citare la trasmissione di Rai tre per i danni causati all’immagine della Sardegna e al settore turistico. “Caro presidente vada avanti perché la strada da lei intrapresa è quella sicuramente migliore,  tutto il resto è noia”, ha concluso.

Francesco Mura, capogruppo di Fratelli d’Italia, ha giudicato quello dell’opposizione un attacco che non rientra nella normale critica politica, perché non rispetta la sicurezza, l’onorabilità delle persone e della loro professionalità e mina la credibilità di tutto il popolo sardo. Per Mura la voglia di rivalsa per la sconfitta elettorale ha portato un danno enorme alla Sardegna e ai sardi. Mura ha accusato il collega Francesco Agus di essersi fatto trascinare “dal bullo di turno”. «Abbiate la coscienza – ha detto -  di chiedere scusa a noi e ai sardi soprattutto per aver costruito comunicativamente, con una violenza inaudita contro la Sardegna, un'azione che non ha niente di politico ma è dannosa per tutti quanti.  Un’azione comunicativa costruita sul nulla, su un’ordinanza che ha avuto un valore per quattro giorni e che ha inciso pochissimo sul contagio».  Per Mura quella in discussione è la mozione di Massimo Zedda.

Per Giovanni Satta (Psd’Az) la trasmissione di Report “è stata faziosa” e “non rispetta la Costituzione”, in particolare non rispetta il  diritto di uguaglianza e la presunzione di innocenza.  Satta ha ricordato “che è stata fatta un’operazione di sciacallaggio politico” e ha aggiunto riferendosi all’opposizione, “avete firmato un ordine del giorno all’unanimità”. Anche lo stesso professor Vella, ha proseguito, ha dichiarato che il nostro presidente è stato uno dei più attenti e prudenti, che ci ha portato a fine maggio ad essere una regione Covid free. Satta ha ricordato che lo stesso collega Zedda aveva espresso preoccupazione, nel caso di chiusura delle discoteche, per un eventuale rischio di assembramenti non controllati. Satta, esprimendo amarezza per la gestione della sua intervista da parte dei giornalisti di Report, ha sottolineato di  non aver mai subito pressioni.

Per Roberto Deriu (Pd) il problema del presidente Solinas sarà ottenere la nuova fiducia da parte della sua maggioranza “a trazione leghista”. Una fiducia “che la renderà prigioniero dell’immobilismo politico nel declino economico e del marasma amministrativo che caratterizzano questa recente fase della storia autonomistica”. Deriu ha aggiunto che la struttura genetica di questa maggioranza è regolata dalle leggi della giungla e “dalla giungla, dal caos di questa maggioranza vengono infatti gli imbarazzanti rumori mediatici dei giorni scorsi” e non “dai complotti caserecci, evocati dal collega Francesco Mura”. Per Deriu i problemi della macchina amministrativa sono sotto gli occhi di tutti e ha ricordato il senso di responsabilità che ha sempre animato l’azione politica dell’opposizione.

Per Cesare Moriconi (PD) la mozione in esame è uno strumento di confronto che permette di discutere nella sede giusta della drammatica situazione sanitaria che la Sardegna vive. “Siamo di fronte ad un atto politicamente gravissimo. Credo che la vera sfiducia, il vero atto di accusa nei suoi confronti – rivolgendosi al presidente Solinas - siano state proprio le dimissioni di tutti gli esperti del Cts”. Il consigliere di opposizione ha evidenziato che non sia il momento di azioni propagandistiche: “Esprimo il mio tale dissenso rispetto a quelle espressioni che non tengono conto della oggettive difficoltà alle quali i governi di tutto il mondo e di tutti i livelli sono stati chiamati”, ma anche detto di ritenere “stucchevole il ricorso sistematico allo scudo delle presunte responsabilità altrui dentro il quale lei e la sua maggioranza, presidente Solinas, provate a negare le vostre inadeguatezze e le vostra improvvisazione”. Moriconi ha anche evidenziato che se le azioni annunciate oggi fossero state messe in campo prima, molte situazione critiche delle nostre strutture ospedaliere, probabilmente, non ci sarebbero state. “Invece il 13 di novembre, giorno della conferenza del Presidente, - ha proseguito il consigliere del Pd - a fronte degli attuali complessivi 392 posti letto disponibili, i ricoverati covid positivi nelle nostre strutture ospedaliere erano ben oltre i 580, cioè molto più dei 392, ma addirittura anche più dei 545 che nel breve dovrebbero costituire la capacità complessiva dei posti letto per covid positivi”. Moriconi ha ricordato che la maggioranza non ha tenuto conto delle tante segnalazioni delle minoranze e dei cittadini.  “Non basterà respingere la mozione di sfiducia per assicurare alla Sardegna e ai sardi un'azione di governo dell'emergenza all'altezza delle attese e delle responsabilità che vi sono state affidate. Occorre molto di più molto di più di quanto non abbiate dimostrato di saper fare”, ha concluso Moriconi.

Emanuele Cera (FI) ha evidenziato che il compito della politica non è quello a cui stiamo assistendo. “E’ una tecnica ricorrente, che condanno a tutti i livelli, - ha affermato - quello di aizzare l’opinione pubblica contro l’avversario politico come colpevole. Perché nei momenti di rabbia c’è un’istintiva sete di colpevoli contro i quali sfogarsi. Questa volta ci si è superati perché arrivare ad accusare il presidente della Regione di una pandemia nazionale e mondiale e dipingere la Sardegna peggio di Wuhan è un’operazione ardua e senza precedenti”. Cera si è detto dispiaciuto per l’azione portata avanti da chi cerca di riprendersi da una sconfitta politica a discapito della Sardegna. L’Isola sta affrontando, ha continuato, la situazione con tantissime difficoltà ma con impegno, grande serietà e responsabilità. Cera ha poi ricordato che ci sono stati altri esponenti politici che promuovevano aperitivi, abbracci con i cittadini cinesi o leader nazionali venuti nella nostra isola a posare per i giornali che si occupano di cronaca rosa. Cera ha infine ricordato che il presidente Solinas aveva tentato di controllare gli arrivi nell’Isola ed è stato osteggiato dal Governo. “Abbiamo approvato il fondo d’emergenza per le famiglie di 120 milioni e di 200 milioni per le imprese, abbiamo dato una boccata d’ossigeno agli enti locali consentendo la spesa delle somme residue dei fondi europei. Questo è il compito della politica ed è su questi temi che dobbiamo confrontarci e scontrarci per arrivare a una sintesi per il bene della Sardegna. Non si può trascinare l’Assemblea sarda in una zuffa politica, perché c’è qualcuno che vuole rivincite mediatiche”, ha concluso Cera. 

Ha preso poi la parola l’on. Li Gioi (Movimento Cinque stelle), che ha esordito così: «Sapevamo che aprendo troppo avremmo ammazzato la Sardegna, non volevamo rischiare sulle vite umane. Mi chiedo quale sia il senso di tutto questo, di tutte queste parole che ho sentito pronunciare da un capogruppo di maggioranza a un giornalista. Il problema poi è che questa non è casa di nessuno di noi e nemmeno è casa del presidente della Regione. Siamo stati costretti a presentare questa mozione di sfiducia davanti a questa colossale dimostrazione di inadeguatezza da parte vostra. E non parlo del Comitato tecnico scientifico, che ha perso ogni giorno un pezzo». Per l’oratore «l’etica non è stata presente nei vostri banchi, per voi non esiste e lo state dimostrando. Noi sappiamo che il presidente Solinas sarà portato oggi in trionfo dalla sua maggioranza ma non ci sarà nulla di etico: sarà tutto soltanto patetico. Noi abbiamo la coscienza pulita».  

Per il sardista Stefano Schirru «la prudenza a volte è una valore troppo vicino alla viltà e faccio questa premessa perché raramente ho letto una mozione così male argomentata, peggio di certe trasmissioni giacobine di Rai 3. Una mozione che ci costringe a dare del consiglio regionale una immagine pessima. In Sardegna come in Italia e nel mondo siamo di fronte a una pandemia i cui contorni non sono chiari ai professori e agli addetti ai lavori: non sono i ricchi cattivi ad aver sputazzato il virus addosso ai poveri sardi in cambio di spiccioli». L’on. Schirru ha proseguito: «Dietro i locali della Costa Smeralda, come li chiamano i miei colleghi giacobini, ci sono discoteche ma anche alberghi, noleggi, porti e ristoranti. C’è una economia e bene ha fatto il presidente Solinas a considerare tutto l’insieme».

Per i Progressisti l’on. Orrù ha detto: «I sardi che vi avevano votato e io con loro hanno perso la fiducia nei vostri confronti ed è per questo che sostengo questa mozione di sfiducia. La responsabilità politica è tutta di chi ha firmato l’ordinanza che ha consentito ad agosto la riapertura delle discoteche. E’ necessario affrontare una volta per tutte questa emergenza, partendo da dati certi. Dobbiamo evitare in futuro di chiudere altri reparti, perché oltre al Covid ci sono le altre patologie e ci sono lunghissime liste d’attesa. Siamo sinceri: per noi oggi è molto difficile venirvi incontro perché state affrontando questa emergenza con impreparazione e servilismo mai visti nella storia della autonomia. E’ invece questo il momento di cavalcare l’onda di una rinascita, perché i soldi ci sono e serve reperirli e spenderli».

A seguire l’on. Ignazio Manca (Lega Sardegna), che ha parlato della necessità di «collaborazione tra le forze politiche, auspicata pure dal presidente Conte quando  invece in Sardegna lavorate soltanto per far cadere il presidente Solinas. La Sardegna ad agosto era Covid free e al presidente Solinas è stato impedito di adottare misure per controllare l’arrivo dei turisti sotto il profilo sanitario. Al presidente della Regione rinnovo la mia totale fiducia».

L’on. Alessandro Solinas (Movimento Cinque stelle) ha detto che «ciò che succede oggi è la naturale evoluzione del modo di fare che avete adottato sin dall’insediamento. Abbiamo ricevuto da parte vostra accuse di allarmismo, le stesse che hanno ricevuto i sindaci. Ma il vero allarme è di chi è chiuso a casa, attende un tampone e nessuno gli risponde. Nessuno gli dà l’esito di un esame. Non mi stupisce in nessun modo che dietro l’ordinanza di riapertura delle discoteche ci siano state le pressioni di chi ha società costruite con scatole cinesi e tiene i capitali all’estero. La Sardegna vive un dramma senza precedenti ma nessuno può pensare che la  classe politica che la dirige non abbia enormi responsabilità. Lo vedremo alle prossime elezioni, al di là dell’esito di questa mozione».

Per la Lega l’on. Piras «sarebbe bastato che l’opposizione avesse dato via libera ai certificati di negatività per i turisti in arrivo in Sardegna. E allora l’opposizione sarebbe stata credibile. Ma non lo ha fatto e non è credibile. Ci sono altre 17 regioni che hanno aperto le discoteche, anche ben prima della Sardegna. Perché non diciamo questo? Perché non diciamo che il viceministro della Sanità era favorevole alla riapertura e lo ha detto chiaramente a Radio 24? Qui siamo davanti a una macchina della fango: prima di essere politici siamo sardi e abbiamo il dovere di difendere la Sardegna. Vada avanti, presidente Solinas».

A nome di Leu ha preso la parola l’on. Eugenio Lai, che ha detto: «In altri tempi non ci sarebbe stato bisogno di una mozione di sfiducia per invitare il presidente della Regione ad essere trasparente sui dati di una pandemia. Altro che costringerci a una richiesta di accesso agli atti, alla quale non avete nemmeno dato risposta. Con le vostre decisioni superficiali avete consentito al virus di correre dentro l’Isola e di rovinare ancora di più l’economia delle imprese sarde. Non quella delle società off shore di cui vi siete invece assai preoccupati. Chiedete ai sardi cosa pensano della vostra gestione sanitaria e non ci sarà bisogno di una mozione di sfiducia come la nostra». Per l’oratore «sino a oggi i sardi hanno sentito soltanto lo stridolìo sugli specchi dei consiglieri di maggioranza».

A seguire l’on. Giuseppe Meloni (Pd)  «non è nostro compito sostituirci ad altre istituzioni dello Stato ma chiediamo che sia fatta chiarezza su una vicenda opaca. E tutto questo mentre a breve si rischia che le terapie intensive non bastino più. Avete accusato i sindaci di essere catastrofici, avete detto che in sanità va tutto bene. E invece non è così e lo sapete. La salute viene prima di tutto se siamo davvero amministratori pubblici coscienziosi. Avete tirato in ballo il nostro ordine del giorno, che chiedeva soltanto dati scientifici certi prima di ogni decisione. E lo avete fatto per tentare di coprire la vostra responsabilità. Avete consentito la riapertura delle discoteche e pure delle sagre paesane, altrettanto pericolose sotto il profilo della diffusione del virus».

Dai banchi della maggioranza il leghista Pierluigi Saiu ha parlato «dell’imbarazzo di alcuni colleghi ma ai sardi deve essere chiaro che nel momento più duro della pandemia le forze di opposizione chiedono una nuova campagna elettorale. Per questi colleghi la soluzione per affrontare questa emergenza è una nuova campagna elettorale, sono nuove elezioni. Voi che sprizzate spregio nei nostri confronti per aver aperto le discoteche chiedete una nuova campagna elettorale oggi che in Sardegna ci sono cinquecento nuovi contagiati. Avete questo coraggio, lo chiedete all’Aula. E vergognandovi, giustamente, provate a spostare il dibattito. Ma avete portato avanti un teatrino diffamatorio, pur sapendo di danneggiare l’immagine della Sardegna. Avreste dovuto sostenere la nostra voce quando chiedevamo al governo il diritto di controllare dal punto di vista sanitario chi voleva arrivare nella nostra isola».

Per il Pd l’on. Valter Piscedda «alcune affermazioni fatte nei confronti dell’on. Giovanni Satta non mi sono piaciute e volevo esprimere la mia solidarietà. Ma andando nel merito nella mozione sia chiaro al presidente Solinas che deve stare tranquillo: non è solo ad essere sfiduciato. La sfiducia è anche verso tutta la Giunta e in particolare verso l’assessore alla Sanità, tanto che si deve supplire con i medici militari e nemmeno loro bastano.  Dal nostro punto di vista voi non state rispondendo nel modo giusto verso una pandemia che obiettivamente è un problema affrontare per tutti. La nostra disponibilità a dare una mano è caduta nel vuoto. Sappiamo benissimo che se questa richiesta fosse accolta andremmo a casa pure noi ma io penso che voi della Lega siate un incidente politico della Sardegna e i sardi oggi non vi voterebbero più perché questo governo regionale a trazione sardo leghista fa rizzare i capelli ai sardi. Se il prezzo da pagare per liberare la Sardegna da questo incidente sardo leghista è tornare a casa, bene, noi lo facciamo volentieri». 

Il consigliere Piero Comandini (Pd), dopo aver annunciato il suo voto favorevole alla mozione di sfiducia, ha chiarito che l’orientamento suo e del suo partito non dipende dai contenuti dell’inchiesta di Report mandata in onda su Rai 3.

«Da quando il Covid è arrivato in Sardegna abbiamo sempre dato la nostra disponibilità a ragionare insieme e a costituire una cabina di regia come è stato fatto in altre regioni. La nostra disponibilità è però caduta nel vuoto – ha detto Comandini – si è preferito individuare un nemico nel governo nazionale.  Avete deciso di andare da soli». L’esponente del Pd ha poi affrontato la questione relativa alla riapertura delle discoteche decisa dalla Giunta: «L’altra ragione per cui voterò a favore della mozione sta in una sola parola: “acquisito”. Quando lei scrive di aver acquisito il parere del Comitato scientifico per l’ordinanza dell’11 agosto dice qualcosa di non vero – ha detto Comandini rivolgendosi al presidente Solinas – quel parere non esiste, se così fosse perché il 12 agosto non ce lo avete fornito nonostante le nostre pressanti richieste? Quel parere non lo abbiamo mai visto. Perché salta fuori solo dopo la trasmissione di Report? Voi avete la responsabilità politica di tutto questo: avete causato troppi danni economici e morali alla Sardegna e avete detto troppe bugie».

Gian Filippo Sechi, capogruppo di Udc Cambiamo ha detto che questa  mozione parte da presupposti sbagliati e che sarebbe meglio ritirarla. L’esponente della maggioranza ha affermato  di essere dispiaciuto che, in un momento come questo, non ci sia unità di intenti e alcuni cavalchino l’onda delle polemiche. Sechi ha ricordato che la scelta sulla riapertura o meno delle discoteche è stata lasciata alla decisione delle singole regioni. Quindi,  nonostante le Regioni, anche quelle che oggi hanno una situazione molto più grave di quella della nostra isola, abbiano assunto le proprie decisioni, l’unico luogo in cui sono state messe in discussione le scelte è stata la Sardegna , regione che ha i numeri tra i migliori d’Italia. Per Sechi l’apertura o meno delle discoteche non è la causa della pandemia che sta sconvolgendo il mondo. Quindi, si è chiesto se c’è realmente bisogno di discutere questa mozione e se non sarebbe invece il caso di ricercare l’unità per tentare di trovare strumenti per dare risposte immediate ai cittadini.

Per Massimo Zedda (Progressisti)  la seduta di oggi non è stata convocata perché il presidente della Regione ha sentito il bisogno di chiarire con il Consiglio le tante vicende legate al coronavirus, ma solo dopo che bravi professionisti dell’informazione  hanno raccontato in tv la verità. Per il consigliere dei Progressisti sono state dette dal Presidente della Regione e dalla sua giunta  troppe bugie su posti letto, sui vaccini, sulle terapie intensive, sulle assunzioni che non sono state mai fatte. Nessuna comunicazione neanche riguardo al comitato tecnico scientifico che non esiste più e  sui  protocolli attivati tra la Regione e i medici privati. Inoltre, questa Giunta, per Zedda, ha messo il bavaglio al personale sanitario che deve  lavorare in condizioni drammatiche ma deve tacere e non deve rilasciare dichiarazioni o comparire nei social. La settimana scorsa – ha ricordato Massimo Zedda – il Presidente ha anche silenziato i microfoni, impedendo durante una conferenza stampa, ai giornalisti di fare domande. La conclusione è uno sola: il Presidente Solinas non vuole il  confronto, mente perfino alla sua stessa  maggioranza,  non governa certo in maniera trasparente e emana provvedimenti che crea solo un poltronificio.  

Michele Ennas (Lega) ha detto che questa mozione è mera propaganda. Cosa c’è – ha chiesto -  di più irresponsabile, in questo momento di emergenza, di essere lasciati senza un governo regionale? Cosa accadrebbe se oggi sfiduciassimo il Presidente della Regione? Trasformare l’aula del Consiglio in un grande teatro, in un bluff non è accettabile, per rispetto di chi lavora e di chi sta affrontando l’emergenza.  Ennas ha parlato di grande ipocrisia tra quello che avviene qui e quello che avviene a livello nazionale.

Diego Loi (Progressisti)  ha detto di voler lanciare un grido di dolore. La popolazione si sente abbandonata e appesa a un filo.  I sindaci  non sono in grado ancora di avere dati certi, vengono aggiornati con grave ritardo sui dati epidemiologici del loro comune, si devono sostituire ai medici di base o dell’igiene pubblica per sollecitare i tamponi o visite anche a persone scomparse. Una situazione inaccettabile anche a Oristano dove il pronto soccorso dell’ospedale San Martino apre a  singhiozzo e la situazione è gravissima nonostante l’abnegazione di medici, infermieri e di tutti i lavoratori della sanità a cui va un grande plauso.

Per Stefano Tunis (Misto) oggi si respingerà la mozione di sfiducia ma nel contempo si cacceranno “i mercanti dal tempio”.   L’esponente di Sardegna20venti ha criticato duramente la trasmissione Report che aveva l’unico scopo – ha detto – di dire che questo è il luogo del mercato. Come se in quest’aula  si potesse mercanteggiare un interesse. Si è cercato di   distruggere l’onorabilità di una istituzione.

Antonio Piu (Progressisti) ha sottolineato il grande spirito costruttivo con cui l’opposizione ha sempre cercato di collaborare per tentare di arginare il Covid  in Sardegna. Quindi non c’è mai stata, da parte della minoranza  nessuna strumentalizzazione.  Mi auguro  - ha detto - che cambi l’approccio che questa maggioranza ha nell’affrontare la pandemia. Affermare da parte dell’assessore regionale alla Sanità che non era prevista la seconda ondata del virus è gravissimo . Io ho forti dubbi sull’operato dell’assessore Nieddu: c’è troppa improvvisazione. Piu ha espresso solidarietà al collega Satta  

Per Annalisa Mele  (Lega) l’opposizione ha chiesto le dimissioni del Presidente della Regione dopo aver montato,  con un talk show spazzatura,  un caso di  sciacallaggio politico. Anziché fare  questo – ha aggiunto -  sarebbe stato più opportuno  intervenire presso il governo centrale per potenziare la sanità e così evitare di abbandonare le regioni in questa situazione di pandemia mondiale.  La consigliera, ha ricordato al collega Deriu che il vero bavaglio lo ha messo il governo centrale che è stato capace solo di istituire il coprifuoco, chiudere le scuole e le attività con la complicità di questa opposizione. Al collega Li Gioi ha detto che  non avendo altri punti di riferimento è ossessionato dal loro coordinatore Eugenio Zoffili.  Annalisa Mele ha concluso esprimendo la piena fiducia al Presidente Solinas.  

Pietro Moro (Udc Cambiamo!) ha espresso la sua volontà di rigettare la richiesta di dimissioni del Presidente della Regione. Sono convinto – ha detto – che si tratta dell’ennesimo tentativo di strumentalizzazione. Il presidente Solinas può essere accusato solo di lungimiranza. Lavoriamo tutti insieme per il futuro della nostra isola.

 Rossella Pinna (Pd) ha parlato di tante omissioni da parte di una maggioranza che l’11 agosto ha approfittato della disponibilità di una parte politica che ha sempre collaborato con lealtà nell’interesse del popolo sardo. La nostra posizione – ha chiarito -  non era certo quella di dare il  via libera all’ apertura delle discoteche. Io non voglio entrare nelle indagini che sono in corso e che faranno piena luce sulla vicenda ma esprimo sconcerto e rammarico per le parole dell’on. Cocciu .  

Sara Canu (Riformatori sardi) ha espresso solidarietà e totale appoggio al Presidente della Regione. Il caso sollevato da questa mozione – ha detto – non esiste.  Mentre noi in quest’aula facciamo la “caccia alle streghe” le persone devono affrontare un’emergenza sanitaria ed economica senza precedenti. Siamo seri e continuiamo a lavorare per il bene di tutti.

I lavori sono stati sospesi con la ripresa fissata alle 16,30 con gli interventi dei capigruppo. 

Alla ripresa pomeridiana il presidente Pais ha dato subito la parola al capogruppo di Leu, Daniele Cocco. «Continuano ad arrivarmi messaggi da pazienti e medici – ha esordito Cocco – persone che non riescono a trovare risposte. Un medico ieri mi ha chiamato da Oristano per segnalare la situazione di un paziente intubato che non si riusciva a trasferire in terapia intensiva». Sulla mozione di sfiducia, l’esponente della minoranza è stato chiaro:« Sappiamo bene che sarà respinta ma è lo strumento per parlare dei problemi della sanità. Voglio approfittare di questa occasione per affrontare i problemi. Sto ripetendo da tempo che ai comuni non arrivano le comunicazioni dei soggetti positivi. Ciò significa che i sindaci non sono in grado di avviare le procedure per mettere in sicurezza i propri cittadini. In questo modo la catena di contagio non si può interrompere».

Il capogruppo di Leu si è poi rivolto alla Giunta: «Mi dispiace che non ci sia l’assessore Nieddu, a lui avrei voluto porre delle domande.  Ci aveva promesso di rafforzare le Usca ma così non è stato. Io ringrazio i medici per il lavoro che stanno facendo ma i tamponi processati devono essere comunicati al più presto ai medici di base e ai Comuni. Il sistema di tracciamento è saltato e questa è la cosa più preoccupante. Di Covid si muore e si continuerà a morire».

Cocco ha poi ricordato la situazione drammatica dell’ospedale di Nuoro: «Sono stato accusato di fare allarmismo quando dissi che il reparto di oncologia del San Francesco rischiava di essere trasferito, invece è successo proprio questo. Non va tutto bene, non è tutto sotto controllo. Non lo si può dire con 24 ambulanze in fila nei Pronto Soccorso. So bene che non è solo una situazione sarda. L’allarme va creato perché altrimenti la situazione viene presa sottogamba».

Concluso l’intervento del capogruppo di Leu, il presidente Pais ha precisato che l’assenza in Aula dell’assessore Nieddu non è imputabile a una sua volontà ma alla sua partecipazione alla Conferenza Stato-Regioni con il ministro Boccia.

Ha quindi preso la parola il consigliere Fausto Piga che, a nome del gruppo di Fratelli d’Italia, ha difeso l’operato della Giunta: «Il presidente Solinas è stato tra i più prudenti, fin dall’inizio della pandemia ha chiesto la chiusura di porti e aeroporti. Il governo ha impugnato l’ordinanza sollevando problemi di incostituzionalità, ma la vera ragione era dettata dal fatto che qui governa una maggioranza di centrodestra».

Piga ha poi proseguito evidenziando la tenuta del sistema sanitario isolano: «Abbiamo un indice di contagio tra i più bassi d’Italia, il sistema sta reggendo grazie a tutti gli operatori sanitari. Certo si può fare di più, ma non dimentichiamo che siamo nel mezzo della seconda ondata della pandemia».

Sul “caso discoteche”, il consigliere di Fratelli d’Italia ha parlato di «tempesta in un bicchier d’acqua. Un caso mediatico creato per dipingere la Sardegna come untrice del Covid quando invece siamo tra le regioni più sane d’Italia. Il 7 agosto Conte ha pubblicato un Dpcm nel quale delegava le regioni sulle aperture delle discoteche. La stragrande maggioranza delle regioni lo ha fatto, la Sardegna no. L’ordinanza aveva l’obiettivo di scongiurare movide auto organizzate. La questione fu segnalata anche da Massimo Zedda. Il 16 agosto si è deciso di chiudere tutto ma fino ad allora si è ballato in tutta Italia, in Sardegna per soli 4 giorni, ma poi si è parlato solo della nostra Isola e del parere del Comitato tecnico scientifico. La verità è un’altra e riguarda i controlli che dovevano essere più efficaci e non lo sono stati. La responsabilità non è del presidente della Regione ma di altri. I controlli li fanno le forze di polizia, i carabinieri, i vigili: c’è una responsabilità collettiva. Perché non guardate a ciò che sta facendo il Governo. La Sardegna non è stata ascoltata quando chiedeva la chiusura dei porti e degli aeroporti e poi è stata contagiata. L’opposizione è stata complice. Se c’è qualcuno da sfiduciare siete voi». 

Dopo l’on. Piga ha preso la parola l’on. Talanas (Forza Italia), che ha ringraziato “l’opposizione e tutti i colleghi che hanno firmato la mozione per la visibilità che ci hanno regalato. Davvero vorrebbero lasciare il popolo sardo in questa pandemia senza un governo regionale? Non c’era bisogno di montare un teatrino sulla sfiducia al presidente Solinas se l’obiettivo è quello di parlare di sanità, come state facendo. A me questo gioco delle parti non va bene perché la parte dovrebbe essere una sola, quella dei sardi. Ci state facendo perdere un’intera giornata per nulla, per far cadere nel ridicolo la massima istituzione regionale”.

A seguire per il Movimento Cinque stelle l’on. Desirè Manca ha ringraziato per la sua presenza il presidente Solinas, “presente per la quattordicesima volta su ottanta sedute. Ci troviamo qua per sfiduciare lei e lo facciamo al di là della destra e della sinistra, perché non ci interessano le posizioni politiche. Noi parliamo di fatti e parliamo della realtà”. L’oratrice ha descritto le condizioni dei reparti degli ospedali di Sassari e delle condizioni nelle quali si trova il personale. Lei non ne ha idea perché dagli operatori sanitari lei non va”.

Per i Riformatori sardi l’on. Cossa ha ricordato che “allora, all’inizio di agosto scorso, tutti gli operatori sardi ci chiedevano un po’ di ossigeno e il tema delle discoteche era molto gettonato in quest’Aula.  Io ricordo che il presidente Solinas era riottoso sulla riapertura delle discoteche e quella ordinanza era zeppa di prescrizioni, difficili da applicare come è difficile praticare le precauzioni anti covid nei ristoranti. Il contagio in Sardegna si sarebbe potuto evitare controllando le entrate, come chiedeva il presidente Solinas. Invece ci hanno fatto passare come la regione canaglia d’Italia, perché così ci hanno dipinto con una campagna mediatica vergognosa”. L’oratore ha spiegato che ci sono centinaia di anziani che rischiano di rimanere senza assistenza perché “gli infermieri delle rsa stanno lasciando il posto di lavoro per andare sotto contratto negli ospedali. Si chiedono le dimissioni per motivi non politici ma per motivi penali e non mi sento nemmeno di dirlo che confermiamo la fiducia al presidente Solinas, perché non c’è nulla da rimproverargli”.

Il decano dell’Udc, l’on. Giorgio Oppi, ha detto: “La mia storia è sempre stata contraria agli attacchi personali e mi chiedo perché l’opposizione abbia presentato una  mozione che sa che sarà respinta. Lo avete fatto per non discutere di altro e per avere altri cinque minuti di pubblicità in tv? Bene, complimenti. Il passaporto che avete contestato non era altro che un controllo degli ingressi in Sardegna. Abbiamo problemi molto più gravi di questa sciocchezza delle dimissioni e mi permetto di dire alle opposizioni che bisogna impegnarsi di più. Per superare la pandemia e per superare la miseria che c’è e soprattutto quella che purtroppo prevedibilmente verrà. Ora dobbiamo pensare alle vaccinazioni e a chi sarà in ginocchio. E a chi c’è già. Altro che perdere tempo con mozioni e giornalisti da strapazzo”.

L’ex presidente del Consiglio regionale Gianfranco Ganau, a nome del Pd ha illustrato le contestazioni sull’ordinanza di riapertura delle discoteche: “Il Consiglio regionale non ha avuto notizia del parere contrario alla riapertura fornito dal Cts. Ce lo avete taciuto e ora chiediamo chiarezza. Ci sono state pressioni per ottenere la riapertura delle discoteche? Eravate consapevoli o meno di correre il rischio di diffondere nuovi contagi? Noi non abbiamo intenti animati da giustizialismo ma il rapporto di fiducia che è alla base di tutto è cessato. Avremmo preferito parlare di vaccini e di assestamento di bilancio ma non è colpa nostra se il Consiglio non si riunisce da 45 giorni”.

Dai banchi della Lega l’on. Dario Giagoni ha detto: “Siamo qui a discutere la fiducia al presidente della Regione sulla base di un servizio giornalistico della tv pubblica, che esiste perché tutti noi paghiamo un canone. E vorrei ricordare che voi siete quelli che hanno ritenuto che il passaporto sanitario avrebbe impedito l’afflusso di turisti. Voi non siete interessati ai sardi e non siete interessati a collaborare per il benessere della nostra terra. Voi siete capaci solo azioni di sciacallaggio e di fare i modelli davanti alle luci delle telecamere. Chiedete le dimissioni di chi si è dato da fare per difendere il suo popolo: è assurdo. E assurdo è leggere i nomi dei firmatari della mozione di sfiducia. Se c’è qualcuno che ha disonorato la nostra isola quelli siete voi dell’opposizione, che preferite farci perdere tempo e fare un teatrino”.  

Sempre per la maggioranza l’on. Franco Mula, capogruppo del Psd’Az, che ha portato la sua solidarietà al presidente Solinas e ha aggiunto: “Avete venduto la Sardegna e avete descritto noi in quei servizi televisivi come quelli che hanno contagiato i turisti. Vi siete fatti trascinare in una polemica che ha fatto danno alla Sardegna e basta, visto che le discoteche erano aperte in tutta Italia. Mica solo da noi. Dovete vergognarvi”.

I Progressisti hanno preso la parola con Francesco Agus, che ha esordito indicando che “sono tanti gli alibi politici a favore del presidente Solinas. Basta accodarsi al più importante dei negazionisti, l’ex presidente Trump. Il tema però è che il presidente ha mentito ai sardi non rivelando l’esistenza di un parere contrario alla riapertura delle discoteche. Quanti controlli sono stati effettuati nelle discoteche in quei giorni su sollecitazione del presidente Solinas?”. L’oratore ha proseguito: “A chi si chiede cosa ci siamo persi sino a oggi dico che non ci siamo persi nulla perché voi non convocate da 46 giorni il Consiglio. Noi vogliamo i dati esatti sui ricoveri e se serve la mozione di sfiducia per riunire l’aula siamo fieri di averla chiesta”.

Il presidente Pais ha quindi dato al parola al presidente della Regione Christian Solinas per la replica. In apertura del suo intervento, il presidente ha ricordato un aneddoto su Winston Churchill: «In un confronto acceso con una rappresentante della Camera dei Lord che rivolgendosi al premier disse “Badi che se fossi stata sua moglie avrei messo il veleno nel the delle cinque”, Churchill rispose: «Se lei fosse stata mia moglie io quel the l’avrei certamente bevuto”. Questa mozione merita un atteggiamento analogo – ha detto Solinas – ci sarebbe il tanto di dimettersi dalla politica vista la  strumentalizzazione senza precedenti messa in atto, un modo di agire incurante del gravissimo danno d’immagine arrecato alla Sardegna».

Il presidente Solinas ha quindi accusato la minoranza di utilizzare la pandemia per fini politici: «Si cerca di dare una spallata alla mia persona e alla maggioranza. E’ un atteggiamento indecoroso, c’è qualche novello Torquemada che ha cercato di rappresentare la Giunta come una banda di lazzaroni, di mentitori seriali che vogliono ingannare il popolo sardo. Ma come vi permettete, è vergognoso dire che avrei firmato l’ordinanza un’ora prima del parere, è una calunnia. Il vostro atteggiamento strumentale vi ha impedito di guardare a ciò che fa il Governo nazionale che ha secretato i verbali del Cts. In nessuna Regione d’Italia è stata utilizzato lo strumento della mozione di sfiducia contro il presidente».

Solinas ha quindi affrontato la questione relativa al parere del Comitato scientifico sulla riapertura delle discoteche nel periodo estivo. «Avete parlato di parere inesistente, poi di parere non valido. Ragionamenti che tendono a minare la stabilità della maggioranza. Proviamo a dire che cosa è successo sotto il profilo sanitario: siamo di fronte a una pandemia di portata epocale, nessuno era pronto. Grazie al sacrificio di tutti fino ad oggi la Sardegna continua ad essere la Regione con il minor tasso di diffusione virale. Nessuno può negare le difficoltà del sistema ospedaliero. Qualcuno però evoca le file delle ambulanze e i reparti in sofferenza senza guardare a ciò che succede nel resto del mondo. Non è una cosa che deriva da un parere del Cts. Lo ha chiarito bene il direttore della Prevenzione del Ministero della Salute Giovanni Rezza: non  c’è legame tra l’apertura delle discoteche e la ripresa dei contagi. Lo si può vedere anche dall’andamento della curva epidemiologica. Se proprio dobbiamo dirla tutta, sono stato il più prudente tra tutti i presidenti di regione. Quando abbiamo proposta la chiusura dei porti e degli aeroporti il Governo ha impugnato la nostra ordinanza e i tribunali hanno detto che doveva essere respinta perché non c’era un rischio incombente». Eppure, secondo Solinas, la chiusura dei porti o, in alternativa, i test d’ingresso ai turisti avrebbero contribuito a confermare per la Sardegna  lo status di isola Covid-free. «Il virus cammina sulle gambe degli uomini, se in Sardegna il virus non c’era come è arrivato? Non sono io a non aver voluto i controlli. Dallo scoppio dell’emergenza abbiamo cercato di lavorare per costruire un sistema ordinato, di dare risposte. Se oggi ci sono circa 500 ricoveri nei reparti Covid e 67 in terapia intensiva significa che i posti ci sono, che c’è stata una programmazione. Certo se l’epidemia continuerà ad andare avanti occorrerà fare altri sacrifici, decidere le priorità, stabilire a chi dare precedenza. State creando un clima che vi chiedo di rivedere e rivalutare finché siamo in tempo. Avvelenare il dibattito politico in questo modo non fa bene».

Il presidente ha quindi svelato di aver ricevuto pesanti minacce e per questo di essere sotto scorta: « Vi sembra una cosa civile che qualcuno dia l’indirizzo di casa mia in una trasmissione televisiva? Anche in questo ho ricevuto la solidarietà di alcuni e un assordante silenzio da parte di altri. Questo clima di odio non aiuta nessuno, ma credo che chi alimenta questo clima debba essere considerato il mandante morale delle conseguenze a cui potrà portare. Stiamo impegnando il tempo su una discussione surreale mentre ci sono questioni che hanno bisogno di tutta la collaborazione della parte politica. Ho cercato di coinvolgere tutti i gruppi in alcune questioni e anche in quell’occasione non si è approdati a decisioni condivise».

Solinas ha poi ribadito la bontà dell’azione di contrasto alla pandemia portata avanti dalla sua Giunta: «Abbiamo presentato un piano a 40 giorni dicendo cosa sarebbe successo nel potenziamento dei posti letto e nel trasferimento di reparti per offrire una risposta adeguata. Tutto questo significa avere una pianificazione. Possiamo dire ai sardi in quale verso stiamo lavorando. Voi dite che nulla è sotto controllo, tutto va male: qual è il risultato che si vuole ottenere? L’allarme verso l’esterno rischia di far precipitare la situazione. La pandemia è un problema colossale, c’è bisogno di grande senso di responsabilità, non è questo il momento delle strumentalizzazioni e di forzature. Per la competizione politica ci sarà tempo, ora è necessario che si torni a fare politica. Ho detto che avrei dedicato le mie energie al bene dell’Isola e continuerò a farlo».

Sulle dimissioni dei componenti del Cts, Solinas è stato categorico: «Sono state motivate per iscritto. Se voi riuscite a dare motivazioni diverse alimentate un dibattito che rispetto alla soluzione dei problemi non offre nessuna prospettiva. Gli scienziati hanno dato un contributo prezioso, questo marasma mediatico ha alimentato una confusione che non obnubila, né oblitera, le cose buone che si sono fatte. Il Comitato è ispirato alla massima velocità, i pareri vengono dati in forma sintetica, in alcuni casi da un componente a nome degli altri. Non c’è nulla di cui meravigliarsi. Il parere del 6 agosto è stato richiamato a novembre per creare una suggestione. Spero che da questa mozione si metta il punto sulle polemiche e si cominci a dire ai sardi cosa fare per migliorare la situazione».

Concluso l’intervento del presidente è intervenuto il primo firmatario della mozione per Michele Ciusa (M5S) che si è dichiarato insoddisfatto: «Lei, presidente Solinas, ha  dimostrato ancora una volta di essere un abilissimo oratore – ha detto Ciusa – noi  però abbiamo fatto delle domande e, sinceramente, non abbiamo avuto risposte. La mozione per questo è un atto giusto anche per come ci si sta muovendo in questa seconda ondata pandemica. Non c’è stata nessuna organizzazione e programmazione, lo sottolinea chi è in prima linea. Gli operatori sanitari chiedono un aiuto concreto. Crescono i numeri di terapia intensiva, siamo arrivati ormai al livello di guardia. Lei un mese fa annunciò uno stop and go ma quando ha capito che il governo andava in quella direzione ha cambiato strategia. Si continua ad accusare il governo nazionale, è il solito ritornello ma bisogna dire che la sanità è di competenza della regione come i trasporti. Su questo fronte non avete fatto nulla. Ci vogliono dati certi per decidere la chiusura delle scuole, non basta accusare il Governo».

Eugenio Lai (Leu) dopo aver espresso solidarietà al presidente Solinas per le minacce ricevute e per la violazione della sua privacy ha annunciato il suo voto favorevole alla mozione: «Non ha spiegato il perché di determinate decisioni. Anche la maggioranza si è soffermata solo sulla puntata di Report. Sono i sardi che chiedono trasparenza e si sentono abbandonati a se stessi. Il danno d’immagine alla Sardegna è riconducibile alle interviste rilasciate a Report dagli esponenti della sua maggioranza. La politica deve essere chiara. C’è bisogno di un cambio di metodo. Le chiediamo più coraggio e più trasparenza».

Sulla stessa linea Massimo Zedda (Progressisti): «Dispiace se il presidente è sottoposto a misure di sicurezza. Molti di noi in passato sono stati sotto scorta. Nessuno ha però usato l’argomento della sicurezza per cercare di zittire l’opposizione. Questo non si fa. E’ l’ennesima caduta di stile. Non è lei che deve dare la patente all’opposizione: da una parte i buoni e dall’altra i cattivi. Le patenti le danno gli elettori. L’altro aspetto è che lei continua ad accusarci di aver creato un danno d’immagine. Questo lo hanno fatto le incaute interviste dei vostri esponenti. Noi avevamo un dubbio sull’esistenza del parere. Siete voi ad aver creato il danno d’immagine. Siete voi che avete creato un equivoco sui test d’ingresso».

Anche il capogruppo del Pd Gianfranco Ganau  ha espresso solidarietà a Solinas per la grave violazione della sua privacy ma ha poi ribadito la volontà di votare a favore della mozione di sfiducia. «Lei ha fatto riferimento a un danno d’immagine provocato da un’ondata mediatica. Questa nasce da esternazioni che vengono dalla sua maggioranza. Non si può dire inoltre con certezza che ci sia una mancata relazione tra aumento dell’epidemia e apertura delle discoteche. Di certo è che dopo quel provvedimento, a distanza di 15 giorni, c’è stato un incremento dei casi. Sugli interventi e la programmazione ci sarebbe tanto da discutere ma non è stato possibile».

E’ quindi intervenuta Desirè Manca (M5S) che rivolgendosi a Solinas ha detto: «Non sapevo delle minacce di morte né della violazione della privacy – ha detto – come ho fatto in passato le esprimo al mia piena solidarietà. Quando esprimo una mia opinione lo faccio solo sul piano politico, non è mio costume attaccare la persona. Nel suo discorso le è sfuggito un particolare: è vero che ci sono momenti di difficoltà non solo per la Sardegna ma verifichi quante e quali proposte sono state presentate dal nostro gruppo. Se lei le avesse lette, forse avrebbe trovato un terreno di confronto che le avrebbe potuto dare una mano».

Anche il capogruppo dei progressisti Francesco Agus si è unito al coro di solidarietà per gli attacchi e le minacce subite dal Presidente Solinas ma, allo stesso tempo, si è dichiarato insoddisfatto delle risposte ricevute. «Si pecca con parole opere e omissioni. Le sue omissioni sono agli atti e giustificano il nostro voto di sfiducia – ha detto Agus – la Sardegna ha le migliori condizioni possibili per uscire prima dall’emergenza: siamo un’isola e abbiamo una densità di popolazione bassa, un centesimo di quella di Milano. Però queste caratteristiche rischiano di diventare la nostra tomba. Qui non c’è la possibilità di trasferire i nostri pazienti nelle terapie intensive di altre regioni. Siamo a ridosso del 40% di riempimento dei reparti. E’ un segnale d’allarme, si rischia di privare i sardi delle cure salvavita. Bisogna concentrarsi su questo, lasciare da parte tutto il resto e occuparsi delle salute dei sardi».

Anche Maria Laurà Orrù ha annunciato il suo voto a favore della mozione: «Dispiace apprendere delle minacce al Presidente. Potete fare anche una caccia alle streghe ma sarebbe una perdita di tempo. Concentratevi sulle emergenze di questo periodo. C’è bisogno di una scossa nell’azione di governo, nessuno di noi può più aspettare».

Il capogruppo del Psd’Az Franco Mula ha invece annunciato il voto contrario di tutto il gruppo: «Valuteremo una censura politica per l’atteggiamento di questi signori. Nel frattempo segnalo alla Giunta che ciò che è successo a febbraio e a marzo si sta ripetendo: arrivano dalle altre regioni tante persone ad occupare le case nelle zone costiere. E’ una situazione problematica».

Il presidente Pais ha quindi messo in votazione la mozione che è stata respinta con 34 voti contrari, 19 favorevoli e 1 astenuto. Terminate le operazioni di voto la seduta è stata tolta. Il Consiglio sarà convocato a domicilio.

Pubblicato in Regione

 “Vogliamo favorire il rinnovamento nelle piccole e medie imprese del comparto dell'artigianato attraverso la realizzazione di programmi di ricambio generazionale, con l’obiettivo di assicurare la sopravvivenza delle imprese caratterizzate da una specifica professionalità, favorire il mantenimento in vita delle attività economiche, valorizzare i mestieri ed evitare di disperdere conoscenze ed esperienze”. Lo ha detto il Presidente della Regione, Christian Solinas, commentando l’approvazione in Giunta della delibera che stabilisce i criteri e le direttive di attuazione per gli incentivi alle imprese artigiane coinvolte nel passaggio generazionale, che ora verrà inviata alla competente commissione del Consiglio regionale per l’acquisizione del parere.

Il progetto è sostenuto da uno stanziamento di 2 milioni di euro per il triennio 2020-2022 da destinare a contributi a fondo perduto per imprese con sede legale e operativa in Sardegna: “Vogliamo sostenere le imprese artigiane coinvolte nel cosiddetto passaggio generazionale a favore dei figli dell'imprenditore o di dipendenti presenti da almeno cinque anni nell’organico dell'impresa”, ha aggiunto l'assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Gianni Chessa.

Il contributo erogato ad ogni impresa potrà essere tra i 15mila ed i 20mila euro ed è finalizzato alle spese connesse a progetti di sviluppo o consolidamento nei settori di attività e all'acquisizione di servizi per l'avvio dell'impresa da parte del successore.

Pubblicato in Bandi

Sicurezza del territorio e delle città, sblocco di opere incompiute. “Numerosi Enti locali - dice il presidente della Regione, Christian Solinas – potranno procedere con la progettazione di interventi di mitigazione del rischio idrogeologico che avevamo già ritenuto strategici e prioritari per le comunità coinvolte”.

La Regione stanzia 10 milioni di euro in favore dei Comuni per portare a termine a progettazione di 29 interventi di mitigazione al rischio idrogeologico in area PAI. La Giunta, su proposta dell’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia, ha programmato le risorse di sostegno ai Comuni per una serie di opere già proposte nell’ambito del programma di interventi infrastrutturali del Piano Nazionale per la Ripresa e la Resilienza, PNRR, e al momento privi di una copertura finanziaria che consenta lo sviluppo della progettazione degli interventi in area ad elevata e molto elevata pericolosità per un importo complessivo di opere pari a circa 95 milioni di euro.

“Abbiamo invertito il trend che fino a oggi vedeva la Sardegna soccombere sotto il peso delle incompiute grazie a una incisiva attività di collaborazione con gli Enti locali finalizzata a portare a compimento opere pubbliche bloccate da anni – spiega l’Assessore dei Lavori Pubblici Roberto Frongia - Ora, andando a incidere sulla sostenibilità economico-finanziaria dei progetti, fondamentale per dare avvio ai cantieri infrastrutturali, sosteniamo i destinatari delle opere (Comuni, Province, Città metropolitana) nella fase più delicata. In questo caso – prosegue l’Assessore - avevamo davanti una serie di interventi che al momento non avevano una dotazione finanziaria che consentisse l’avvio e lo sviluppo della progettazione, compresa l’acquisizione delle necessarie autorizzazioni, pareri e nulla-osta previsti dalle norme”.

Interessati dalla misura Comuni in tutta la Sardegna per un totale di 29 opere. Due gli interventi previsti nella città di Sassari: sistemazione idraulica dell'alveo del Rio Calamasciu dalla Zona Industriale "Predda Niedda" alla borgata di Caniga, progettazione 460.000 euro; interventi di mitigazione del pericolo di esondazione e dissesto idrogeologico di un tratto del rio Giuncheddu in località "Gioscari Rizzeddu" progettazione 340.000 euro; interventi di messa in sicurezza idraulica della vallata del Fosso della Noce nel centro abitato, progettazione 460.000 euro. Sempre nel sassarese: finanziata la progettazione per un intervento nel Comune di Aglientu (messa in sicurezza dell'abitato di Vignola Mare con realizzazione del canale scolmatore del Rio La Palma, progettazione 40.000 euro); Illorai (interventi per il superamento delle problematiche idrauliche del canale coperto Musuri, progettazione per 1.150.000 euro); Viddalba (interventi per il superamento delle problematiche idrauliche del canale coperto Rio Tungoni, progettazione 70.000 euro); Monti (Interventi di completamento per il superamento delle problematiche idrauliche dei canali coperti Rii Ciccheddu e Sant’Alvara, progettazione 230.000 euro); Porto Torres (Opere per la difesa idraulica dalle inondazioni del rio Mannu, progettazione 500.000 euro); Ploaghe (versante franoso strada comunale Santa Giusta – Monte Ledda e S.P. 76, progettazione 180.000 euro).

In provincia di Nuoro finanziata la progettazione per un intervento a Orgosolo (interventi di messa in sicurezza e adeguamento canale di guardia e canale tombato a protezione del centro abitato, progettazione 270.000 euro); Dorgali (mitigazione del rischio idrogeologico del canale tombato "Viale Umberto", progettazione 300.000 euro); Urzulei (messa in sicurezza del tratto scoperto del Rio Serre ‘e Coro che attraversa il centro abitato, progettazione 50.000 euro); due gli interventi ad Arzana: lavori di messa in sicurezza strada comunale Argiolaonniga in agro del Comune di Arzana, progettazione 50.000 euro; realizzazione opere di consolidamento del centro abitato, progettazione 40.000 euro. Ancora: Villagrande Strisaili (opere di completamento per la mitigazione del Rio Bau Argili, progettazione 90.000 euro); Orosei (interventi per il superamento delle problematiche idrauliche del canale coperto "Colatore n.4", progettazione 100.000 euro); Tiana (interventi per il superamento delle problematiche idrauliche del canale coperto "Su Tragu", progettazione 90.000 euro); il Comune di Lotzorai sarà interessato dalla progettazione e realizzazione di interventi di riqualificazione delle reti di drenaggio in area urbana ad elevata pericolosità idraulica, 140.000 euro).
Nel Sud Sardegna interessati dalla progettazione di interventi di contenimento dei fenomeni di crollo (progettazione per 210.000 euro) i Comuni di Carbonia, Sant'Anna Arresi, Perdaxius, Nuxis, Villamassargia, Narcao; Masainas (completamento dei lavori di messa in sicurezza dell'abitato di Is Fiascus II lotto e III lotto, progettazione 130.000 euro); Villa San Pietro (interventi sul rio Mannu di Pula e rio Is Molentis per la mitigazione del rischio idraulico che interessa il centro abitato, progettazione 240.000 euro). Ancora, nel Sud Sardegna previsti interventi a Nurri (lavori di completamento messa in sicurezza e consolidamento del costone roccioso Sardajara, progettazione 140.000 euro).

Quattro gli interventi previsti nel Comune di Capoterra: sistemazione idraulica del rio San Gerolamo–Masone Ollastu e interventi di ricostruzione delle opere pubbliche danneggiate nelle località Poggio dei Pini ed altre frazioni - opere complementari – progettazione 2.650.000 euro; messa in sicurezza idraulica SP 91 con costruzione ponte sul rio Canale Baccu Liconosu (affluente dx Rio Santa Lucia), progettazione 140.000 euro; messa in sicurezza idraulica SP 91 con adeguamento alveo, demolizione ponte esiste e costruzione nuovo ponte sul rio Baccu Tinghinu (affluente dx Rio Santa Lucia), progettazione 100.000 euro; messa in sicurezza idraulica SP 91 con costruzione ponte sul rio Is Coddus (affluente dx Rio Santa Lucia), progettazione 100.000 euro.
A Lunamatrona prevista la messa in sicurezza dalla caduta massi sulla strada Consortile Lunamatrona - Bivio S.P. 59 - intervento di completamento, progettazione 40.000 euro; A Villanovafranca verrà realizzato il Ponte sp 36 sez. 91 sul rio Fluminimannu–Villanovafranca, progettazione 750.000 euro; Domus de Maria sarà oggetto di interventi di sistemazione idraulica del Rio Chia a monte e in corrispondenza dell'abitato, progettazione 700.000 euro.

Pubblicato in Regione

Il parere favorevole del comitato tecnico scientifico della Regione alla riapertura delle discoteche in Sardegna c'era. Il giorno dopo il blitz della Polizia alla Regione per acquisire i documenti emergerebbe dunque che l'ordinanza sarebbe arrivata dopo la mail favorevole di uno degli esperti che avrebbe parlato anche a nome degli altri. L'indagine della Procura di Cagliari, dunque, secondo quando apprende l'Ansa, va verso l'archiviazione, almeno per quanto riguarda la parte sul reato di epidemia colposa.

Sono due, forse tre, le persone informate sui fatti che verranno sentite nelle prossime ore dal pool di magistrati guidati dall'aggiunto Paolo De Angelis (composto dai sostituti Daniele Caria, Guido Pani e Maria Virginia Boi), ma solo dopo che gli investigatori studieranno le carte acquisite ieri in Regione. Si tratta dei consiglieri regionali che a Report hanno ipotizzato pressioni da parte dei gestori delle discoteche per non farle chiudere. Un esame che però potrebbe chiudersi già in poche ore, visto che l'email cruciale - quella col parere favorevole - sarebbe già nelle mani degli inquirenti.

Pubblicato in Turismo
Etichettato sotto

Siamo disponibili a incontrare i sindacati e tutti i soggetti che a vario titolo possono contribuire in maniera positiva ed efficace al confronto sul gap infrastrutturale che riguarda la Sardegna partendo dall’imponente lavoro fin qui svolto che vede Regione e Anas, impegnate in una opera di modernizzazione ed efficientamento della rete viaria sarda che in un anno e mezzo di lavoro ha dato risultati straordinari. Abbiamo davanti uno scenario nuovo che si basa su cantieri aperti, delle volte in modalità di lavoro h24, opere sbloccate dopo anni di inerzia e già appaltate, a cui si aggiunge la particolare attenzione che stiamo rivolgendo alla progettazione (con iniziazione di risorse regionali) per aiutare i Comuni che pur denunciando la necessità di infrastrutture non hanno avuto fino ad ora la possibilità economica di portare a termine i progetti. Riteniamo comunque necessario e opportuno che i fondi del Recovery fund, oltre che alla viabilità statale, siano destinati anche al finanziamento di opere relative alla rete stradale di interesse regionale e per questo abbiamo nuovamente scritto al ministro de Micheli”. Lo specifica l’assessore dei Lavori pubblici Roberto Frongia a proposito della richiesta di incontro da parte delle sigle sindacali, in particolare della Cisl.

L’assessore, in sintonia con quanto già richiesto nel corso degli incontri ufficiali e in previsione del prossimo vertice istituzionale con Anas, riafferma la richiesta di maggiore attenzione per l’Isola attraverso il potenziamento del compartimento Sardegna sia attraverso nuove assunzioni di personale, sia con una maggiore autonomia nella progettazione, gestione degli appalti ed esecuzione delle opere. “Ci rendiamo fin da ora disponibili, nelle modalità che l’attuale circostanza emergenziale consentirà, a un incontro nel corso del quale informeremo i sindacati circa le ultime richieste rivolte dall’Assessorato dei Lavori Pubblici all’Anas e allo stesso Ministro dei Trasporti, incentrate sulla necessità di una maggiore autonomia da parte della struttura sarda di Anas e sulla necessità di procedere con nuova forza lavoro da impiegare nei cantieri sardi, così come da accordi già presi con la stessa Anas”, ha concluso l’esponente della Giunta Solinas.

Pubblicato in Regione
Etichettato sotto

“Per il secondo anno consecutivo registriamo dati positivi, rispetto alla media degli ultimi dieci anni, come la riduzione del numero degli incendi (-18%), la drastica riduzione della superficie complessiva percorsa (-34%) e di quella boscata (-30%). Anche la superficie media per incendio registra un’importante riduzione, rispetto al dato medio del lungo periodo: -21%. Dimostrazione evidente che la macchina regionale antincendio si dimostra sempre più professionale, efficace e tempestiva”. Lo ha sottolineato l’assessore della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, durante la conferenza stampa nella quale ha illustrato i risultati della Campagna Antincendio 2020.

“Un importante sforzo complessivo, anche economico, con oltre 7.000 donne e uomini in campo, tra Corpo forestale, Forestas, Protezione civile, organizzazioni di volontariato, compagnie barracellari e vigili del fuoco, oltre a 11 elicotteri leggeri, il Super Puma, tre canadair del Dipartimento nazionale della Protezione civile e 281 mezzi terrestri, che quotidianamente hanno garantito la sicurezza dei Sardi – ha aggiunto l’esponente della Giunta Solinas – I numeri di quest’anno non rappresentano certamente un punto d’arrivo, ma un nuovo punto di partenza per migliorare ulteriormente e sconfiggere questa piaga che da troppo tempo affligge la Sardegna. Continuerà anche la collaborazione con le Amministrazioni comunali affinché tutte si dotino, in tempi brevi, dei piani di protezione civile che riguardano il rischio incendi e quello idrogeologico. Sono ancora troppi i Comuni privi dei piani: 41 non hanno né l’uno né l’altro”.

L’assessore Lampis ha anche ricordato come agosto sia stato il mese più difficile: “Si sono registrati 746 incendi per una superficie complessiva percorsa di 4.842 ettari (1.702 boscati). In particolare, la giornata del 1 agosto è stata la peggiore del 2020, con ben ventinove incendi, di cui sette hanno richiesto l’intervento di uno o più elicotteri regionali e quattro l'ausilio dei mezzi aerei della Protezione civile nazionale, per una superficie complessiva di 2.669 ettari (817 di superficie boschiva). Nell'intera Campagna 2020, diciassette il numero medio di interventi giornalieri, salito a ventidue nel periodo 1 giugno-31 agosto”.

Intensa l’attività investigativa del Corpo forestale, che ha effettuato 3 arresti e trasmesso 218 comunicazioni di notizia di reato alla Magistratura, riscontrando come il 75% degli incendi sia di origine dolosa: “Un dato in linea con gli ultimi 10 anni, perciò dobbiamo impegnarci maggiormente nella sfida culturale per la salvaguardia del nostro patrimonio ambientale e paesaggistico, settore decisivo per lo sviluppo ed il riscatto della Sardegna. Una battaglia che va combattuta soprattutto nei luoghi formativi per eccellenza, come la scuola, dove purtroppo in questo periodo non è stato possibile realizzare le iniziative previste dall’Assessorato. Presto, superata l’emergenza sanitaria, riprenderemo con le iniziative per conseguire questo importante obiettivo”.

Infine, l’assessore Lampis ha rivolto un pensiero ad Alessandro Diana, il volontario diciannovenne di Pabillonis morto in un incidente stradale mentre si recava a spegnere un incendio: “Su richiesta mia e del presidente Solinas, abbiamo trasferito alla Prefettura la documentazione necessaria per il riconoscimento, da parte del Presidente della Repubblica, di una medaglia d’oro al valor civile”. 

Pubblicato in Cronaca
Etichettato sotto

Dopo anni di blocco del turn-over, la Regione Sarda avvia un nuovo piano di assunzioni. La Giunta regionale, nel corso dell’ultima seduta, ha approvato il piano triennale di fabbisogno del personale (2020-2022), che consentirà, a regime, 580 assunzioni grazie a una disponibilità finanziaria di circa 27 milioni di euro. “Proseguiamo un percorso già ben avviato – commenta con soddisfazione il Presidente della Regione, Christian Solinas – verso una Regione moderna ed efficiente, più vicina alle imprese e alle famiglie, tagliando la burocrazia e consolidando la macchina amministrativa in funzione dello sviluppo della nostra economia. Abbiamo già intrapreso un processo di snellimento e semplificazione normativa e ora compiamo un altro passo decisivo grazie a nuove assunzioni, indispensabili per un buon funzionamento degli uffici, sbloccando i concorsi pubblici in Regione dopo dieci anni”.

Il piano prevede l’assunzione di 479 unità di personale amministrativo e tecnico. Tra questi, oltre a 136 dipendenti ex Esaf (Ente sardo acquedotti e fognature), 140 posti verranno occupati: mediante scorrimento delle graduatorie dei concorsi di altre amministrazioni previa stipula di convenzione (50, ad esempio gli idonei del concorso Aspal), secondo le procedure previste dall’articolo 52 della legge 31 del 1998 (48), per incremento della mobilità del 20% (19) e con selezioni interne (23) in base all’articolo 1 della legge 18 del 2017. Dopo 17 anni, inoltre, sono state bandite le selezioni interne per 80 posti tra le categorie D, C e B. Altre 123 unità verranno invece acquisite attraverso concorsi (categoria D), più procedure concorsuali e scorrimento graduatorie (categoria C) per un totale di 66 posti. Altri 57 dipendenti verranno assunti attraverso varie procedure di mobilità.

Per il reclutamento dei dirigenti sono previsti concorsi per 29 posti: 18 per l’Amministrazione, 5 per il Corpo forestale e altri 6 con mobilità da riprogrammare e con scorrimento graduatorie. Anche per quanto riguarda il personale del Corpo forestale sono previsti concorsi (anche in questo caso l’ultimo bando risaliva al 2003): la categoria A verrà incrementata di 36 unità attraverso procedure concorsuali e mobilità da bandire, mentre altre 36 tra categorie C e B verranno acquisite con selezioni interne (6) e con procedure concorsuali e mobilità da bandire (30).

“È un grande risultato per la Giunta Solinas”, sottolinea l’assessore regionale del Personale, Valeria Satta. “Dopo tanti anni, finalmente si potrà rafforzare la macchina regionale acquisendo numerose figure professionali che sicuramente porteranno energie nuove e ulteriori competenze a tutta l’amministrazione”. Inoltre, “con il nuovo piano del fabbisogno, dopo quindici anni di attesa, potranno tornare in Regione i dipendenti del soppresso Esaf, trasferiti ad Abbanoa per effetto della legge 10 del 2005. Il reingresso dei lavoratori, che avverrà su base volontaria, attualmente coinvolge 128 unità, ma il numero potrà crescere ancora per effetto di nuove manifestazioni di interesse, considerato che nel Piano di fabbisogno – conclude l’assessore Satta – la disponibilità è per 136 assunzioni”.

Pubblicato in Regione
Etichettato sotto

Partiranno oggi le assunzioni dei medici che hanno risposto all’avviso pubblico bandito dall’Ats il 23 ottobre e i cui termini sono scaduti alla mezzanotte di ieri. Al bando hanno risposto 777 medici e l’azienda regionale procederà all’assegnazione di incarichi per la durata di 6 sei mesi che potranno essere prorogati a seconda del protrarsi dell’emergenza. “Stiamo mettendo in campo ogni strumento a disposizione per potenziare il nostro sistema sanitario e dare risposte sempre più efficaci sia in termini di assistenza, sia sul piano della prevenzione, attraverso il rafforzamento dei servizi che svolgono le operazioni di controllo e tracciamento del virus sul territorio”, dichiara il Presidente, Christian Solinas. “La salute dei cittadini – prosegue il Presidente – è il bene più prezioso da difendere, in un quadro difficile a causa della pressione che la pandemia sta esercitando sui nostri ospedali. La Sardegna ha ripreso a investire sulla Sanità dopo anni di tagli i cui effetti sono ancora oggi sotto gli occhi di tutti e appaiono ancora più evidenti in un’emergenza senza precedenti per l’Isola e per il Paese”.

“Inizieremo immediatamente ad esaminare le domande pervenute– dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – e rafforzeremo ogni ambito territoriale. Non abbiamo posto un limite al numero di incarichi da assegnare e recluteremo tutto il personale necessario. Abbiamo il dovere di dare risposte ai cittadini che necessitano d’assistenza e cure, ma anche ai tanti operatori sanitari impegnati in prima linea sul territorio e negli ospedali”. 

Pubblicato in Regione
Etichettato sotto

“Nonostante il momento difficile che stiamo vivendo e il grande sforzo in atto sul fronte sanitario, la Regione non si ferma e continua a lavorare per il futuro e la qualità del trasporto. Con la rimodulazione del piano di investimenti proseguiamo nel percorso di rinnovo totale del parco viaggiante dei treni sardi. La Sardegna attualmente dispone di tanti mezzi datati, con un’età media tra le più elevate d’Italia. Grazie all’aumento della disponibilità economica sarà possibile dotare i territori di infrastrutture efficienti con conseguenti risparmi in termini di investimenti in manutenzione ciclica e revamping”. Lo dichiara il presidente della Regione, Christian Solinas, a commento dell’approvazione della delibera, su proposta dell’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, che prevede di integrare e modificare il Contratto di servizio stipulato nel 2017 della durata di 9 anni, 2017-2025, tra la Regione Sardegna e Trenitalia.

Nello specifico, viene aggiornato il volume complessivo degli investimenti del Contratto posti a carico della Regione, che passa dai primi 9 milioni e 400 mila euro a una dotazione finanziaria complessiva di 62 milioni e 300 mila euro per effetto dei 52 milioni e 900 mila euro delle risorse definite dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC), previste dal “Piano di investimenti per il rinnovo del materiale rotabile ferroviario”.

L’incremento della disponibilità economica a disposizione del Contratto consente l’acquisto di ulteriori 4 unità DMU (Diesel Multiple Unit) rispetto alle 8 DMU inizialmente previste dal Contratto, per complessivi 12 DMU; di effettuare l’acquisto di tutti i 12 treni DMU con capacità maggiori, 300 posti, rispetto a quella a 200 posti originariamente prevista; l’acquisto delle 12 unità in configurazione ibrida (unità diesel elettriche, dotate di pantografo utilizzabile nelle tratte in futuro elettrificate e con batterie utilizzabili anche per percorrere l'ultimo tratto su linee non elettrificate, evitando l'uso di carburante nei centri abitati, nonché utili per il ricovero del treno senza necessità di materiale rotabile di soccorso); l’acquisto di 2 nuove locomotive diesel per il sistema di soccorso a supporto della restante flotta; il completo rinnovo della flotta, che vedrebbe così l’immissione in servizio di 22 nuovi treni che si aggiungerebbero ai 10 Minuetto e agli 8 ATR che verranno mantenuti in servizio, per un totale di 40 treni entro il 2022.

“Migliori standard, performance, più comfort e accessibilità per le persone che ogni giorno scelgono il treno per lavoro, studio, svago o turismo - spiega l’assessore Giorgio Todde - I nuovi convogli, dotati di moderni motori Diesel a bassa emissione per la salvaguardia dell’ambiente, assicureranno la rivoluzione del trasporto ferroviario regionale e invoglieranno i cittadini a scegliere il treno, evitando sempre più l’utilizzo dell’auto”.

Pubblicato in Regione
Etichettato sotto
Pagina 7 di 10